Viscosimetro

I viscosimetri sono strumenti di misura utilizzati per determinare la resistenza o la viscosità dei fluidi. Trovano applicazione in laboratori specialistici, ma anche nei sistemi di controllo dei processi di produzione, dove possono essere d’aiuto nella regolazione di tali processi.

Per determinare la viscosità esistono differenti tipi di viscosimetri e si distinguono per il principio di funzionamento. Uno dei più comuni strumenti per misurare la viscosità cinematica è il viscosimetro a capillare di vetro.

Esistono anche viscosimetri che sfruttano diversamente le caratteristiche dei fluidi per misurare la viscosità. Ad esempio un viscosimetro a coppa (utilizzato per le vernici) è composto da un contenitore graduato con un foro calibrato sul fondo. Più il fluido è viscoso, più tempo impiegherà a fluire attraverso il buco. Misurando il tempo di svuotamento della coppa è possibile (tramite opportune tabelle) risalire alla viscosità del fluido.

Un altro tipo di viscosimetro è basato sulla misura del momento torcente. In questo caso si pone il fluido tra due piattelli, posti a una distanza regolabile. Uno dei due piattelli viene mantenuto fisso mentre l’altro viene fatto ruotare. In questo modo invece di una forza si misura il momento meccanico applicato e la velocità angolare del piatto mobile.

Torna su