Ottone

L’ottone è una lega inossidabile di rame e zinco, di colore giallastro, largamente impiegata per la costruzione e la copertura di oggetti vari: maniglie, candelabri, lampadari, strumenti a fiato.

L’ottone è un materiale duttile, malleabile e ha una buona resistenza alla corrosione.04

Il sistema rame-zinco prevede una fase omogenea, soluzione solida di zinco in rame, di struttura cubica a faccia centrata (fase α), presente fino a contenuti massimi di zinco fino al 37%.

Una seconda fase omogenea (fase β) cubica a corpo centrato, corrisponde a un rapporto di 1 a 1. Questa fase è caratterizzata da una buona plasticità alle alte temperature e da bassa plasticità a temperatura ambiente.

Su questa base si distinguono gli ottoni da lavorazione a freddo, contenenti circa il 70% di rame  che presentano una buona plasticità e sono impiegati per la produzione di oggetti da stampaggio profondo.

Gli ottoni a tenore di rame di circa il 60% sono invece impiegati nella lavorazione a caldo.

Vengono detti ottoni speciali le leghe che oltre a rame e zinco contengono piccole quantità di altri elementi. Ad esempio l’ottone ammiragliato (resistente alla corrosione) e l’ottone al piombo (dalla buona lavorabilità).

Altri tipi di ottone contengono stagno, alluminio, ferro, nichel, ecc.  e sono caratterizzati da elevata resistenza meccanica. Posso essere ottenute le seguenti  proprietà:

  • il manganese e lo stagno aumentano la resistenza alla corrosione;
  • il ferro aumenta il carico di rottura;
  • l’alluminio aumenta la resistenza alla corrosione e all’abrasione;
  • l’antimonio e l’arsenico inibiscono la dezincificazione.
  • il nichel migliora le caratteristiche meccaniche e la resistenza alla corrosione;
  • il silicio serve a disossidare e favorisce la creazione della fase β.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su