Filtrazione

La filtrazione è un processo che consente di separare i componenti di una miscela eterogenea sfruttando le differenti dimensioni delle particelle in sospensione. Con la filtrazione, dunque, è possibile separare il solido (precipitato) dal liquido (filtrato) di una miscela eterogenea .

Vi sono due principali tecniche di filtrazione: la filtrazione per gravità e la filtrazione per aspirazione (o sottovuoto).

Filtrazione per gravità

La filtrazione per gravità sfrutta l’azione dell’attrazione gravitazionale mediante percolazione, attraverso un filtro permeabile soltanto al liquido, per separarlo dalla fase solida.

Filtrazione per aspirazione (o sottovuoto)

La filtrazione per aspirazione o sottovuoto rappresenta una metodologia più rapida, l’effetto della separazione per suzione è maggiore rispetto a quello per gravità, ma che richiede una vetreria a tenuta, l’adattamento della carta da filtro e un sistema che generi un vuoto non troppo spinto (come una pompa ad acqua o una pompa meccanica a vuoto). La vetreria utilizzata comprende l’imbuto Büchner, l’imbuto Hirsch (simile al Büchner ma di dimensioni minori), il crogiolo di Gooch (di dimensioni ancora più piccole rispetto all’Hirsch e che non richiede carta da filtro, possedendo una superficie porosa) e una beuta codata di raccolta.

Torna su