Energia di legame

L’energia di legame, in termini generici, è l’energia necessaria per tenere aggregate le parti di un sistema composto.

In Fisica, più nello specifico in Astrofisica, l’energia di legame di un corpo celeste è l’energia necessaria a tenerne aggregate le varie parti. Tale energia è data dall’interazione gravitazionale e prende il nome di energia di legame gravitazionale.

In Chimica rappresenta la misura della forza di legame in un legame chimico; dunque è possibile distinguere diverse tipologie di energia di legame, a seconda del caso in cui si prenda in considerazione un atomo, una molecola, oppure interazioni sub-nucleari:

  • per un atomo, l’energia di legame è data dall’interazione elettromagnetica e prende il nome di energia di legame atomico;
  • in una molecola, l’energia di legame tiene uniti gli atomi costituenti mediante dei legami chimici; rappresenta l’energia che bisogna somministrare a una mole di molecole per suddividerle in singoli atomi. Quanto maggiore è l’energia per dissociare la molecola tanto maggiore deve essere l’energia di legame che tiene uniti i due atomi;
  • per un nucleo atomico l’energia di legame è l’energia necessaria a comporre il nucleo a partire dai singoli protoni e neutroni. Tale energia è data dall’forza nucleare forte, mediata dai pioni, e prende il nome di energia di legame nucleare;
  • in caso di interazioni subnucleari rappresenta l’energia che lega i vari quark all’interno di un adrone.
Legamekcal/mol
H−H104,2
C−C83,1
O−O33,2
C−O84
Na−Na18
O−H110,6
Na−Cl98
Energie di legame a 25 °C
Torna su