Coordinate geografiche

Le coordinate geografiche vengono definite come quei parametri (valori angolari numerici) utili ad individuare la posizione di un punto sulla superficie terrestre. Esse sono:

  • la latitudine: distanza angolare misurata in gradi lungo l’arco di meridiano compreso tra l’equatore ed il parallelo passante per il punto considerato;
  • la longitudine: distanza angolare misurata in gradi, lungo l’arco di parallelo compreso tra il meridiano fondamentale (meridiano di Greenwich) ed il meridiano passante per il punto considerato. La determinazione della longitudine si basa sul moto diurno apparente del sole. Il sole culmina su tutti i 360 meridiani in 24 ore. Poichè la velocità angolare della Terra è (360°/24 h) = 15°/ora, ossia ogni ora la Terra avrà ruotato di 15° attorno al suo asse (in definitiva ogni 4 minuti ruota di un grado). La differenza oraria tra l’ora del Meridiano fondamentale e quella locale, permette di stabilire la longitudine;
  • e l’altitudine: distanza verticale di un oggetto o un luogo dal livello medio del mare. Rappresenta una delle tre coordinate geografiche terrestri assieme alla latitudine ed alla longitudine.

Gli elementi di riferimento fondamentali sono il piano equatoriale, a cui si riferiscono le latitudini (Nord e Sud), e la località di Greenwich (vedi Meridiano di Greenwich), presso Londra, cui sono riferite le longitudini (Est e Ovest).