Esistenzialismo

L’esistenzialismo è un indirizzo filosofico contemporaneo che assume a proprio tema specifico l’esistenza come modo di essere caratteristico dell’uomo, e la rivendica contro ogni riduzione dell’esistente a «cosa» (e dunque a possibile oggetto di trattazione scientifico-obiettiva) e contro ogni inclusione del singolo negli schemi di filosofie totalizzanti, quale fu eminentemente l’idealismo hegeliano; contro Hegel per l’appunto si esercitò la polemica di Kierkegaard, il cui pensiero fu ripreso dai più significativi esponenti della filosofia esistenziale.

Nel quadro della ripresa di Kierkegaard nel Novecento, e del crescente interesse per una filosofia dell’esistenza (Existenzphilosophie), la tematizzazione dell’esistenza ha trovato un importante approfondimento in K. Jaspers e, almeno sino a Essere e tempo (1927), in Heidegger.

Più generica, e in parte dipendente dall’elaborazione della Existenzphilosophie, è la tematizzazione dell’esistenzialismo, filosofico e letterario, nella Francia degli anni Quaranta e Cinquanta (J. P. Sartre. G. Marcel).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su