Bozzetto

Il bozzetto rappresenta lo studio preparatorio di un modello in scala ridotta di un’opera d’arte (ad esempio un dipinto, di una scultura, di un affresco, un monumento o un’opera architettonica), prima che venga eseguita in modo definitivo.

Spesso il suo significato non si distingue dalle voci Abbozzare e Abbozzo. La distinzione invece può essere precisata considerando i diversi e successivi momenti formativi dell’opera d’arte, dallo schizzo all’opera compiuta così come erano intesi in generale dal Rinascimento fino all’età contemporanea. Il bozzetto è uno studio preparatorio ben definito, ma si distingue per l’impiego del colore; è infatti eseguito a tempera o a olio su supporti come la tela o il cartone. Si può definire come l’opera finita ma di dimensioni diverse, ovviamente più piccole.

Al disegno preparatorio appartengono anche gli studi relativi ai singoli dettagli (panneggi, parti anatomiche, espressioni del volto, ecc.) della composizione finale, elaborati a partire da modelli viventi. Oltre al modello vivente, gli artisti fecero uso (uno dei primi è stato Fra’ Bartolomeo) di manichini di legno, particolarmente idonei per studiare le posizioni del corpo. Tintoretto, invece, come riportano le fonti antiche, creava dei modelletti di cera o di creta, rivestiti e illuminati a lume di candela per studiare gli effetti chiaroscurali.

Il bozzetto, dunque, nasce in genere con lo scopo di illustrare le caratteristiche di un prodotto e di rendere l’idea di come sarà il prodotto finito. A seconda del tipo di opera che si va ad abbozzare, assume caratteristiche diverse e può essere più o meno definita e rifinita.

A seconda del grado di compiutezza raggiunto, il disegno è definito nella trattatistica con una terminologia varia, e non sempre univoca. Va tenuto presente che i vari stadi, di cui qui viene offerta una sintesi esemplificativa, non implicano necessariamente il passaggio automatico a quello successivo, e che ciascuno ha un valore estetico autonomo.

Spesso l’opera finita, si differenzia molto dal bozzetto, in questo quest’ultimo aiuta solamente a capire quale fosse l’idea originale dell’artista ed in qualche modo l’evoluzione che ha subito. Ovviamente essendo uno studio, possono esistere diversi bozzetti riferiti alla stessa opera, anche eseguiti con tecniche diverse e di diverse misure.

Oggi, oltre la grafica artistica, comprende oltre che la creazione di opere di disegno artistico fine a se stesse, anche quelle orientate al design ed alla pubblicità e quindi alla promozione di prodotti terzi. Spesso inoltre le realizzazioni grafiche, oltre che manualmente, con i metodi tradizionali, vengono realizzate con l’aiuto di mezzi tecnici ed informatici. I computers ed i programmi esistenti permettono la creazione e la realizzazione di opere innovative e con tempi di esecuzione minimi. Molti artisti si sono specializzati in questo settore ed hanno creato nuove tendenze e nuove scuole.

EtimologiaTermine derivato da “bozza”.
Sillabazioneboz | zét | to
Pronuncia/IPA/botˈtsetto/
Sinonimi(di opera artistica) abbozzo, schizzo, bozza, prova, modello, disegno.
Torna su